occhio
mosaico_learning_logo
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1
mosaico_logo_elearning
p11
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1

Every day, our brains are bombarded by a barrage of notifications and an onslaught of information and new content to explore and learn Yet we're also subjected to a myriad of variables that distract us.

 

Key data on the use of mobile devices, the internet and social media provide some food for thought: having access to such vast amounts of different tools and information can lead to a strong feeling of cognitive disorientation.

 

There’s a reason for all of this.

What we call the attention curve is the short frame of time when our minds are physiologically able to concentrate on a certain topic and so are primed and ready for successful learning.

Attention sky rockets and peaks in about 7 minutes, and then begins to decrease.

 

Various cognitive psychology theories agree on one thing: if the cognitive load (i.e. the amount of information that our memory has to process within a certain period of time) is too high, it may use up the cognitive resources required to learn and become gridlocked.

 

In light of these studies and theories, this easybook provides some tips to help you learn in the best way possible, stress-free and enthusiastically.

 

With this book you’ll learn:
 

•    The inbuilt mechanisms of your brain that influence learning

•    How to manage cognitive load using two key tools: content segmentation and pacing

•    The 7Minutes solution, the cornerstones when it comes to accessible, micro and mobile online training.

CONTATTACI

E-learning interattivo: ecco come fare

2018-07-31 13:50

mosaicoelearning

Digital learning, Tutorial, steve Jobs, crisi, storyline, online, microsoft, beta, screenr, corso, trainer, conferenza, corsi elearning, Articulate Replay, archivi, video interattivo, Articulate 360, rise, video 3d,

E-learning interattivo: ecco come fare

shutterstock357246923-.jpg
banner21-1024x230-.png

Ho ricevuto un sacco di domande sull'elearning interattivo. Spesso le persone sono alla ricerca di specifiche funzionalità "interattive" nel software. Tuttavia, la chiave non sono le caratteristiche specifiche, tanto quanto capire come funziona il software elearning e applicarlo a poche semplici strategie.


interactive-e-learning-0730-.png

Parte 1: Strategie elearning interattive

che uso quando costruisco corsi elearning interattivi. Mi concentro su alcuni elementi costitutivi, di cui ho già parlato prima.


multi-tier-.png

  • Pull: la maggior parte dei corsi tende a “spingere” i contenuti verso il discente, ed è questo il metodo tradizionale di insegnamento. Uno degli obiettivi dovrebbe, invece, essere quello di portare lo studente a scoprire i contenuti, dando loro una ragione per esplorare e utilizzare il contenuto.
  • Processo decisionale: presentare situazioni (rilevanti) del mondo reale, fornire accesso alle informazioni e presentare alcune opportunità per prendere decisioni. Mi piace usare il modello 3C. È un modello semplice che ho sviluppato per aiutare a insegnare ai nostri giovani instructional designer anni fa: sfidare lo studente; fornire alcune scelte che producono conseguenze.

Cerco anche di non classificare formalmente le interazioni ed in particolare il processo decisionale mentre sono nel processo di apprendimento. Voglio che gli allievi prendano liberamente le decisioni e se sbagliano, l’errore è solo una parte dell'esperienza di apprendimento. È anche un'opportunità per continuare a imparare, processo che non avviene con la formazione formale.


Parte 2: Caratteristiche interattive

Mi piace pensare al software elearning come uno strumento che crea multimedialità. Il più delle volte viene utilizzato per la formazione, ma non tutti i multimedia online devono essere realizzati per il training.


La maggior parte del software elearning ha interazioni pronte all'uso come schede, processi e grafica con etichette. Tuttavia, cerco di allontanarmi dall'interattività desiderata e cercare casi d'uso diversi. Cerco funzionalità che consentano alla persona di interagire con lo schermo.


Flash Card Modello 3C

Ad esempio, nel seguente scenario, ho


creato una struttura 3C

e ho utilizzato l'interazione Flash Card come mezzo per esaminare le scelte e ottenere feedback. Le schede flash non sono tecnicamente progettate per gli scenari, ma poiché è possibile fare clic e scoprire, sono perfette per chiedere e rispondere alle domande in uno scenario. E poiché lo studente può fare clic sulle altre opzioni, consente loro di esplorare.


rise-interactive-e-learning-3-.gif

Interazione di processo

Di seguito è riportato un altro esempio per estendere le funzionalità per creare tutti i tipi di contenuto interattivo. Ho preso lo stesso contenuto che si adatta perfettamente all'interazione di processo e lo ho applicato a diversi tipi di blocchi per vedere come avrebbero funzionato. Essenzialmente sono tutte un'interazione di processo, è solo che ho usato diverse funzionalità per impacchettare il contenuto.


Clicca qui per vedere la demo.

rise-interactive-e-learning-.gif

Ovviamente, alcuni hanno più senso di altri. Ma il punto dell'esercizio è quello di rivedere le funzionalità disponibili e pensare a diversi modi di utilizzare le parti interattive come, per esempio, uno scenario decisionale.


rise-interactive-e-learning-2-.gif

Modello 3C: etichetta grafica

Ecco un esempio, in cui ho sfruttato i caratteri della Content Library con Studio 360 e PowerPoint per creare una


scheda decisionale

con etichette grafiche.


rise-interactive-e-learning-4-.gif

Modello 3C: blocchi combinati e interazione a fisarmonica

Ecco un altro


esempio

di un modello 3C in cui ho combinato alcuni blocchi per creare la struttura (che posso salvare come modello riutilizzabile) e ho sfruttato l'interazione a fisarmonica per chiedere e rispondere alle domande nello scenario.


rise-interactive-e-learning-5-.gif

Come puoi vedere, è facile combinare gli elementi costitutivi di base con funzionalità per creare un assortimento di opzioni interattive che vanno al di là di ciò che il software ti offre immediatamente. Il segreto è iniziare con un modello semplice e quindi sfruttare le funzionalità interattive (progettate per il processo decisionale o meno).


 


 


Traduzione autorizzata tratta dal post originale di Tom Kuhlmann sul “Rapid E-Learning Blog”.Il post originale è disponibile qui.Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi!

Articulate

Per acquistare o ricevere informazioni sui prodotti Articulate articulate@mosaicoelearning.it
 

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

MOSAICOELEARNING SRL 
VIA DEL MELOGRANO, 77

97100 RAGUSA RG

C.F./P.IVA: 01638210888

09321855211 – 3348437664

DPO

Per qualunque informazione e/o segnalazione riguardante la privacy e la protezione dei dati personali dpo@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

risorsa 13

facebook
instagram
twitter
linkedin

www.mosaicoelearning.it @ All Right Reserved 2022 - Sito Realizzato da Flazio Experience

PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY | MODELLO ESERCIZIO DEI DIRITTI

k2.svg
k1.svg
k4.svg
p2.svg
k5.svg
k3.svg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder