occhio
mosaico_learning_logo
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1
mosaico_logo_elearning
p11
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1

Every day, our brains are bombarded by a barrage of notifications and an onslaught of information and new content to explore and learn Yet we're also subjected to a myriad of variables that distract us.

 

Key data on the use of mobile devices, the internet and social media provide some food for thought: having access to such vast amounts of different tools and information can lead to a strong feeling of cognitive disorientation.

 

There’s a reason for all of this.

What we call the attention curve is the short frame of time when our minds are physiologically able to concentrate on a certain topic and so are primed and ready for successful learning.

Attention sky rockets and peaks in about 7 minutes, and then begins to decrease.

 

Various cognitive psychology theories agree on one thing: if the cognitive load (i.e. the amount of information that our memory has to process within a certain period of time) is too high, it may use up the cognitive resources required to learn and become gridlocked.

 

In light of these studies and theories, this easybook provides some tips to help you learn in the best way possible, stress-free and enthusiastically.

 

With this book you’ll learn:
 

•    The inbuilt mechanisms of your brain that influence learning

•    How to manage cognitive load using two key tools: content segmentation and pacing

•    The 7Minutes solution, the cornerstones when it comes to accessible, micro and mobile online training.

CONTATTACI

Attenzione e apprendimento. Una questione non facile - Prima parte

2017-06-26 10:33

mosaicoelearning

Digital learning, steve Jobs, crisi, screenr, trainer, corsi elearning, video interattivo,

Attenzione e apprendimento. Una questione non facile - Prima parte

shutterstock370025948-.jpg


Perché il mantenimento dell'attenzione è così difficile? Gli sviluppatori e i ricercatori nell’ambito della formazione devono utilizzare la ricerca su come funziona l'apprendimento come base per la progettazione. Solo questo ci potrà impedire di usare metodi di formazione che possono ridurre la ritenzione di informazioni.



L'attenzione è fondamentale per l'apprendimento. Non possiamo elaborare, ricordare o applicare le informazioni a cui non prestiamo attenzione. Ed è questa ad essere problematica.


shutterstock370026089-.jpg

(Il problema di) Come funziona l'attenzione

Esistono tre problemi specifici dell’attenzione che possono portare a difficoltà di apprendimento:


  •     Il primo è come i nostri processi cognitivi favoriscano l'attenzione su problemi evidenti piuttosto che su quelli meno lampanti.
  •     Il secondo è il modo in cui vengono elaborati diversi input.
  •     Il terzo riguarda il multitasking, che danneggia l'attenzione.

I nostri processi cognitivi prestano la massima attenzione a problemi e cambiamenti ovvi. Questa situazione funzionava bene per i nostri antenati quando sorgeva l’esigenza di prestare attenzione agli attacchi da parte dei predatori. Al giorno d’oggi, però, la maggior parte delle esigenze di attenzione sono più tenui. Ad esempio, cogliere sottili segni che ti dicono di analizzare in maniera più approfondita una situazione non chiara. E sottili cambiamenti, come per esempio gli estratti conto bancari che mostrano piccoli, ricorrenti spese non autorizzate che possono portare a grandi problemi. Ma, come ho detto, non prestiamo naturalmente attenzione a cambiamenti graduali o sottili anche se le conseguenze potenziali possono essere grandi.


I nostri sensi si occupano di molti input dall'ambiente che ci circonda, ma molto poco viene trasformato. Questo perché i nostri sistemi di attenzione e di memoria possono elaborare solo una piccola quantità alla volta. Processiamo quello che vediamo e che riteniamo importante. È molto facile per l'attenzione essere dirottata da situazioni altamente emotive. Per esempio, se qualcuno mi attacca, la mia attenzione viene ingannata perché i neurotrasmettitori mi spingono ad affrontare ciò che il mio sistema percepisce come un pericolo immediato. Ma molto spesso, ciò che è più urgente e richiede la nostra attenzione è la cosa più importante, non quello che è forte o caricato emotivamente.


shutterstock370025948-.jpg

Abbiamo anche problemi a comprendere a informazioni che richiedono l'elaborazione da parte dello stesso "canale". Potremmo pensare che elaborare informazioni verbali (linguistiche) e visive (che cosa vediamo) richieda il coinvolgimento di differenti. E questi due canali sono memorizzati in due spazi di memoria: memoria verbale e memoria visiva. C'è una maggiore probabilità che le informazioni vengano memorizzate e rese disponibili a piacimento queste vengono correlate verbalmente e visivamente. Ma quando cerchiamo di elaborare più input di informazioni sullo stesso canale, ci imbattiamo in difficoltà. Ad esempio, non possiamo facilmente comprendere il discorso di due persone che parlano contemporaneamente (canale verbale). Ma possiamo osservare le espressioni di un oratore ed elaborare le sue parole allo stesso tempo (canale visivo e canale verbale). Questo particolare ha molte implicazioni per la progettazione elearning.


E se questi problemi di attenzione non bastano, troppo spesso cerchiamo di fare troppe cose assieme, esagerando nel multitasking. La ricerca dimostra chiaramente che semplicemente non possiamo e non facciamo multitask. Ciò che stiamo facendo sta rapidamente riducendo la nostra attenzione. E il rapido passaggio da un’attivià all’altra spesso danneggia sia la nostra attenzione che la nostra performance. Cal Newport, autore del libro “Deep Work: Rules for Focused Success in a Distracted World”, ci aiuta a capire che il multitasking effettivamente danneggia la capacità di concentrarsi e ci porta ad avere problemi di memoria.


 


Clicca qui per la e dell'articolo!

 


Traduzione autorizzata.  Fonte.Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi o utilizza i tasti social in alto per condividerlo! 

Articulate

Per acquistare o ricevere informazioni sui prodotti Articulate articulate@mosaicoelearning.it
 

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

MOSAICOELEARNING SRL 
VIA DEL MELOGRANO, 77

97100 RAGUSA RG

C.F./P.IVA: 01638210888

09321855211 – 3348437664

DPO

Per qualunque informazione e/o segnalazione riguardante la privacy e la protezione dei dati personali dpo@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

risorsa 13

facebook
instagram
twitter
linkedin

www.mosaicoelearning.it @ All Right Reserved 2022 - Sito Realizzato da Flazio Experience

PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY | MODELLO ESERCIZIO DEI DIRITTI

k2.svg
k1.svg
k4.svg
p2.svg
k5.svg
k3.svg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder